Vendemmia2015 – Si prevede un’annata eccellente

uva_blogUna lunga, calda estate, preceduta da un inverno non troppo rigido, caratterizzato da una buona quantità di precipitazioni: sono questi i principali fattori che hanno permesso una perfetta maturazione dell’uva, dolce, succosa e abbondante nei vigneti di questa fine settembre.

Iniziata da poche settimane con la raccolta di Chardonnay e Cabernet, la vendemmia è ora nel pieno con il raccolto della maggior parte delle uve e proseguirà approssimativamente fino a fine ottobre/ inizio novembre, con le uve a maturazione tardiva e con quelle che si raccolgono ormai appassite per la preparazione di specifiche tipologie di vino, come il passito.

Visti i primi, soddisfacenti risultati, c’è chi già parla di un’annata eccellente, della “vendemmie delle vendemmie”. Gli esperti del settore preferiscono però essere cauti. Riccardo Cotarella, presidente di Assoenologi, afferma che è impossibile, senza dati precisi alla mano, fare ipotesi che valgano per tutta l’Italia, dalla Valtellina all’Etna, vista la diversità del clima. Mentre per quanto riguarda la qualità bisognerà attendere fino alla fine della vendemmia, sulla quantità del raccolto è consentito essere ottimisti. Ce lo conferma Domenico Zonin, presidente dell’Unione italiana vini, che afferma: “Dai dati reali di campagna analizzati finora e dalle stime anche di Ismea e ministero dell’Agricoltura, anche se siamo solo al 30% circa della raccolta, emerge una tendenza ad un aumento significativo della produzione rispetto al 2014. Con un grado qualitativo di grande interesse. Se tali dati fossero confermati, l’Italia riguadagnerebbe la leadership mondiale tra i paesi produttori, visto che la Francia prevede 46,5 milioni di ettolitri (-1% su base annua) e la Spagna circa 43 milioni (-3%)”

Previsioni a parte, mentre nei campi si lavora senza tregua alla raccolta, nelle campagne d’Italia si celebrano feste, ricorrenze e veri propri “party mondani” dedicati al frutto che è simbolo di vita, abbondanza e fertilità. Da evento tipicamente rurale, infatti, la vendemmia è diventata occasione di conoscenza, di divertimento, di spettacolo e qualche volta addirittura di business. Sono molte, infatti, le aziende vitivinicole che aprono le porte agli eno-appassionati, ai curiosi, ai turisti con programmi tematici che includono esperienze diverse, dall’emozione di lavorare per un giorno in una vigna, al comfort di trattamenti benessere extralusso.

In ogni caso, che siate amanti del lusso o dell’autenticità rurale, nell’attesa di informazioni più dettagliate riguardanti la produzione 2015, vi consigliamo di degustare la nostra selezione di vini delle annate precedenti. Continuate a seguirci per essere aggiornati su questo e altri temi relativi alle eccellenze d’Italia!

*Fonti:
DiVini – Corriere della Sera
IlGiornale.it

.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...